Prospero Fontana pittore-scenografo a Bologna (1543)

Lorena Vallieri

Abstract


In early 1543 the lost play, I Vecchi, a multi-authored drama by the Affumati, was staged in the convent of Servi di Maria in Bologna. The reconstruction of that performance is based on a careful study of the little-known contract between Prospero Fontana and the Affumati as well as on rereadings of Matteo Pasi’s important manuscript, Cronaca, and of Ercole Bottrigari’s Mascara. From these documents, the artistic and artisan competence of Fontana as a man of the theatre also emerges. While Fontana’s collaboration with Giorgio Vasari for the Florentine festivals in 1565 is well documented, the proposal being made here – to connect Fontana’s scenography for  I Vecchi to Vasari’s for the Aretian Talanta  in Venice in 1542 – is innovative.

Nei primi mesi del 1543 venne allestita nel bolognese convento dei Servi di Maria la perduta commedia I vecchi, drammaturgia a più mani degli Affumati. La ricostruzione di quello spettacolo è fondata sull’analisi del poco noto contratto tra il pittore Prospero Fontana e l’accademia felsinea, nonché sulla rilettura della Cronaca manoscritta di Matteo Pasi e della Mascara di Ercole Bottrigari. Dai citati documenti emerge la sapienza artistico-artigianale di Fontana uomo di teatro. Se è nota la sua collaborazione con Giorgio Vasari per le feste fiorentine del 1565, è nuova l’ipotesi di lavoro di mettere in rapporto la scenografia da lui realizzata per i Vecchi con quella impalcata a Venezia dal Vasari per la recita della Talanta aretiniana del 1542. 


Keywords


Prospero Fontana; Giorgio Vasari; Bologna 1543; Affumati Academy; «Theatrical place»; Gabriele Paleotti

Full Text:

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13128/Drammaturgia-15243

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Firenze University Press
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze
Tel. (0039) 055 2757700 Fax (0039) 055 2757712
E-mail: journals@fupress.com